Piazza Annonaria
Sorto nel 1860 laddove era il settecentesco convento della chiesa di S. Domenico, il mercato Annonario[1] ripropone ancora oggi la pianta originaria del chiostro. A suo tempo nella cosiddetta “piazzetta” si trovava, fra le altre botteghe, il forno comunale del pane, secondo alcuni il migliore della città.

Chiesa di San Domenico
Comunemente conosciuta come chiesa di San Domenico[2], l’edificio è intitolato a San Antonio Abate. La chiesetta è ciò che rimane dell’originario complesso che ospitò nel XV secolo un ospedale e successivamente, dopo alcuni interventi nel corso del XVI secolo, un convento.